5 esercizi di stretching per mantenersi in forma

di Salvatore Pisana - Gio, 11/06/2015 - 11:52
Praticare stretching è un beneficio per chiunque faccia attività sportiva

Negli ultimi anni si è parlato molto di stretching e del suo utilizzo: da chi lo enfatizza a chi lo demonizza, le correnti di pensiero a riguardo sono davvero tante. Il nostro pensiero è a favore di questa metodica e crediamo che praticare stretching sia un beneficio per chiunque faccia attività sportiva.

C’è chi effettua lo stretching a freddo prima di svolgere l’attività e chi invece lo pratica dopo; la nostra indicazione è di eseguire i vari esercizi dopo l’attività o dopo un buon riscaldamento, evitando posizioni a freddo. Consigliamo lo stretching dopo la corsa lenta o dopo un'attività blanda, reputiamo più opportuno effettuare solo del defaticamento dopo i lavori importanti come le ripetute.

Di seguito vi proponiamo 5 esercizi di streching che riteniamo utili per tutti i runner. Si eseguano gli esercizi per una durata compresa tra 15″ e 1′. Nel passare da un esercizio all’altro è consigliabile rilassarsi qualche minuto.



Esercizio n.1

Questo esercizio è importante per l’allungamento del tricipite surale. Può essere svolto sia a ginocchio posteriore flesso, sia a ginocchio teso. La differenza è nell’azione più incisiva.





Esercizio n. 2

Seduti per terra, si tende una gamba e si piega il ginocchio dell’altra toccando l’interno della coscia opposta con il tallone. Con questo esercizio si allungano la parte posteriore della coscia e la schiena.





Esercizio n. 3

In piedi con una mano appoggiata ad un muro, si fletta il ginocchio, portando il tallone sul gluteo. Si può effettuare in diverse varianti, con gamba e braccio dello stesso lato, o gamba e braccio opposti. Questo esercizio è molto importante per allungare il quadricipite femorale.





Esercizio n. 4

Da posizione sdraiata a terra, portare le ginocchia al petto. Questo esercizio è importante per allungare gli ischio-crurali e la zona lombare.







Esercizio n. 5

A piedi leggermente divaricati (larghezza delle spalle), a circa un metro da un muro, ci si appoggi ad un’altezza a livello del cuore con le braccia tese sulla testa. Con le braccia e le gambe tese, si flettano le anche appiattendo il dorso e afferrando la superficie d’appoggio con le mani.

Ritratto di Salvatore Pisana
Laureato in scienze motorie, è allenatore di mezzofondo di fama nazionale
Facebook profile

Scrivi un commento

Accedi o Registrati per inserire il tuo commento.

Commenti

Professore, io faccio tutti gli esercizi, tranne il numero 5 (che non conoscevo) sia prima che dopo l'allenamento, insieme a diverse serie di addominali. Ho letto nell'articolo che sarebbe consigliabile effettuarli dopo la sessione d'allenamento. Quali esercizi consiglia, invece, prima di iniziare a correre?
Professore,sono fermo da 3 mesi per ispessimento tendine bicipite femorale dx ,ho fatto tecar e vibra. Quanto tempo ci vuole per guarire e ritornare a correre?.65 anni e maratoneta.
X

Ricevi un nuovo articolo ogni settimana

Iscriviti alla Newsletter