Running Italia

Atletica, podismo e allenamento per i runners

Provato per voi: giacca tecnica da running Hot&Dry Sunlight di CTW Sport

di Andrea Cassanelli - Gio, 22/02/2018 - 11:49
Abbiamo provato per voi la giacca tecnica da running Hot&Dry Sunlight di CTW Sport, la giacca full optional per correre con il freddo e la pioggia

Molti di noi conoscono già i prodotti del brand CTW Sport per l’ottima qualità e la giacca tecnica da running Sunlight è quella che potremmo definire come la giacca full optional.

Spesso l’evoluzione dei materiali e della tecnologia non tengono completamente conto dell’aspetto sportivo andando a compromettere ciò che di buono si vorrebbe portare sul mercato.

La giacca che ho provato invece, sembra proprio considerare tutto quello che ad un runner serve o che di contro potrebbe dar fastidio durante il gesto della corsa, andando a coniugare così confort, ergonomia e sicurezza.

È difficile trovare un punto da cui partire per descrivere efficacemente questo capo, ma proviamo ad andare per ordine.


Indossando la giacca ci si rende subito conto che non è come tutte le altre, infatti troviamo ben quattro punti dov’è possibile andarne a modulare l’aderenza al corpo, partendo dai fianchi per arrivare ai polsi. Anche il cappuccio, tenuto chiuso da una pratica chiusura a strappo, in caso di utilizzo può essere stretto intorno al viso tramite laccetti elastici che garantiscono l’impermeabilizzazione della testa.



giacca tecnica

La giacca è dotata di sottomaniche elastiche per consentono, grazie all’inserimento del pollice, la riduzione al minimo del passaggio di aria attraverso le stesse.

Soffermandoci sulle maniche, alzi la mano chi non ha mai desiderato poter vedere il tempo sul cronometro senza dover alzare ogni volta la manica! Bene con Sunlight questo è possibile, in quanto la sottomanica sinistra è dotata di un foro fatto appositamente per far fuoriuscire il quadrante del cronometro rendendone facile ed immediata sia la lettura che l’utilizzo.


La giacca si chiude frontalmente con una cerniera dal doppio scorrimento, fermata alle estremità da due strappi che ne evitano lo sbattimento durante la corsa.

Per quanto riguarda la sicurezza, Sunlight consente di essere estremamente visibili. Per chi come me si allena quasi sempre all’alba od alla sera, a tramonto avvenuto, in strade non sempre ben illuminate, i numerosi inserti rifrangenti posti in diverse zone, sia anteriori che posteriori, consentono di essere individuati anche dagli automobilisti più distratti.


A volte la tecnologia diventa ingombrante e quando corriamo non sappiamo dove mettere gli oggetti. È sempre una battaglia portarsi dietro chiavi dell’auto, mp3, telefono, chiavi di casa o altro. Pur consigliandovi di ridurre al massimo il peso superfluo da portarsi durante la corsa, se proprio non potete fare a meno di alcuni oggetti, sappiate che la giacca Sunlight ha tasche da vendere. In totale tra interne, esterne, grandi e piccole, ne ho contate ben sei!


Anche per chi si fa spaventare dalla pioggia, Sunlight è completamente idrorepellente ed ha un’ottima traspirazione.



giacca tecnica

Leggi anche:

Correre in inverno: l’importanza di vestirsi in modo adeguato




Consiglio di non indossare capi particolarmente pesanti, in quanto la giacca isola molto dall’ambiente esterno e rischiereste di sudare eccessivamente; personalmente andrei con una maglia tecnica con maniche corte od a maniche lunghe per i più freddolosi.

Un ottimo modo per correre con freddo o pioggia, rimanendo caldi ed asciutti.


Ritratto di Andrea Cassanelli
Atleta e Tecnico Fidal tesserato per la S.G. La Patria Carpi

Scrivi un commento

Accedi o Registrati per inserire il tuo commento.