Correre in autunno: abbigliamento e malanni

di Andrea Poidomani - Ven, 25/10/2013 - 00:36

Sia pur con qualche settimana di ritardo, l'autunno ha colpito dopo il nord, anche il sud della nostra penisola; si abbassano le temperature e d'un tratto ri-scopri che devi cambiare le abitudini del tuo allenamento e cambiano anche le sensazioni.

Un lato assolutamente positivo di una temperatura più “fresca” è quello di avvertire una minore stanchezza muscolare già dall'inizio, collegata ad una maggiore facilità di respirazione in quanto l'aria è meno umida.
Da non sottovalutare anche il fatto che non ti ritrovi a sudare già mentre stai solo pensando di correre, come avviene ad Agosto, ma la sudorazione è più “naturale”.

A cambiare però deve essere anche l'abbigliamento, con un piccolo punto interrogativo: cosa mi metto? Già perché in estate sai che devi indossare il meno possibile, una magliettina traspirante, un paio di pantaloncini e via. In inverno vale quasi sempre l'opposto: coprirsi e proteggersi il più possibile.
In autunno invece è facile che capiti di percepire freddo prima di partire, ma dopo 10 minuti scoprire di sentire un caldo insopportabile.
In questi casi le accortezze da seguire non sono molte e variano da podista a podista. Io ad esempio trovo molto comodo indossare un antivento smanicato, giusto compromesso tra protezione e “areazione”. Mai comunque indossare felpe senza cerniera lampo o altro che sia difficile togliersi durante la corsa, a meno che non ci si voglia fermare e interrompere la poesia del nostro allenamento. Tra l'altro lo sbalzo termico sarebbe così alto che il rischio di un bel malanno non ce lo toglie nessuno. Se proprio non potete farne a meno, assicuratevi che si possa comodamente legare in vita senza che vi dia fastidio.
Nel mio caso inoltre, non essendo proprio un capellone, è necessario anche un berretto leggero.

Ma in autunno fa buio anche prima rispetto all'estate, quindi spesso saremo costretti a correre con la luce artificiale. Se nel nostro percorso però sono inclusi dei tratti urbani è importantissimo indossare anche un giubbino catarifrangente. È una piccola accortezza che può però permetterci di continuare a correre e sfidare noi stessi.

Ritratto di Andrea Poidomani
Laureato in informatica, dopo una lunga parentesi torinese, ritorno alle mie origini per trasferirmi in Sicilia. Da sempre sono stato appassionato di sport, ma soprattutto di atletica.
Blog personale
Profilo Twitter
Sito web

Scrivi un commento

Accedi o Registrati per inserire il tuo commento.

Commenti

Ciao Andrea, in autunno così come in inverno, utilizzo abbigliamento tecnico completo di cerniere. Tessuti che fanno traspirare mantenendo "il più possibile" la corretta temperatura del corpo. Quest'anno ho scoperto i pantaloncini ad altezza ginocchia molto comodi, così che le gambe possono ancora respirare.
X

Ricevi un nuovo articolo ogni settimana

Iscriviti alla Newsletter