Running Italia

Atletica, podismo e allenamento per i runners

Percorsi: corriamo immersi nella natura di Vendicari

di Running Italia - Gio, 10/05/2018 - 15:18
Un percorso di 12km all'interno della Riserva Naturale di Vendicari per il fondo lento immersi nella natura incontaminata
Percorso Vendicari

Chi pratica la corsa sa quanto sia stimolante l’ambiente che ci circonda; d’altra parte grazie a questo sport si ha la possibilità di visitare e vivere luoghi che si colorano di una luce nuova quando visti durante la corsa.
E’ il caso della Riserva Naturale di Vendicari, in provincia di Siracusa, istituita nel 1984 dalla Regione Sicilia.
La riserva si presta a diverse attività, quali snorkeling, escursionismo, birdwatching, che devono essere praticate tutte nel rispetto della natura e delle regole che vigono in questo posto incontaminato. Fra queste attività possiamo aggiungere anche la corsa, che non fa eccezione, quindi evitiamo di correre in gruppi numerosi e chiassosi, anche perché perdereste la magia del posto.


Mappa Vendicari


Il percorso
Arrivati all’ingresso principale della riserva, si può lasciare l’auto nel parcheggio (custodito solo durante il periodo estivo) e cominciare da li il proprio percorso. La prima parte, poche decine di metri, si percorrono lungo una passerella in legno, in parte sospesa; dobbiamo fare un po' di attenzione ad eventuali tavole poco stabili. Un altro pezzo di sentiero sterrato ci porta ad un bivio, al quale possiamo svoltare a destra, proseguendo lungo un sentiero che alterna parte sterrata a fondale in sabbia e che costeggia uno dei pantani, dove in primavera ed autunno potremo scorgere un numeroso stormo di fenicotteri di passaggio lungo la loro migrazione. Il sentiero prosegue verso sud per circa 1,8km; da qui in avanti non è più possibile proseguire oltre quindi si ritorna indietro per tornare al bivio che ci lasceremo nuovamente alle spalle per proseguire verso nord.
Poche centinaia di metri ed incontriamo un’antica tonnara, la torre sveva e la sede del museo della riserva. Il sentiero anche da questa parte alterna fondo sterrato a sabbia, prestando attenzione ad alcuni tratti in cui si restringe e diventa sconnesso.
Si prosegue per circa 3,6km verso nord, fino a giungere alla Spiaggia di Calamosche, una delle più belle di tutta la costa ionica della Sicilia. Non è conveniente proseguire oltre se stiamo facendo running, quindi torniamo sui nostri passi fino al punto di partenza completando un percorso di circa 12km.


Vendicari


L’allenamento
Più che un percorso pensato per specifici allenamenti, il suggerimento è quello di viverlo per godere della natura attraverso la corsa.
Alcuni tratti con sabbia fine possono rivelarsi abbastanza duri e muscolari, soprattutto se la sabbia è completamente asciutta, mentre in quelli sterrati dobbiamo semplicemente fare attenzione per evitare distorsioni o traumi dovuti ad un appoggio non regolare. Il sentiero è quasi tutto pianeggiante, quindi da questo punto di vista non presenta particolari difficoltà, per cui l’allenamento che possiamo andare a svolgere è sicuramente un fondo lento di mantenimento o anche di semplice scarico.


Vendicari


Quando andare
E’ sconsigliato il periodo estivo, sia per il troppo caldo già dalle prime luci del giorno, sia per i numerosi visitatori presenti che renderebbero frammentata la corsa quando ci si incrocia con altri avventori in corrispondenza di punti in cui il sentiero si restringe.
Tutto il resto dell’anno invece, in cui la presenza di visitatori è molto ridotta ed il clima più mite, la riserva è ideale per fare del fondo lento.
Date le basse latitudini a cui ci troviamo comunque, la temperatura potrebbe essere ai limiti di quella consigliata per l’attività fisica, per cui il consiglio è quello di correre portando dietro una borraccia con dell’acqua o magari con un integratore sportivo tipo MG.K Vis.


Un ultimo consiglio
Andare al mattino molto presto è un’esperienza unica; la natura a quell’ora si sta risvegliando mentre gli animali notturni stanno per “rincasare”. Non sarà difficile vedersi attraversare la strada da qualche coniglio o intravedere delle volpi, mentre i pantani saranno un brulicare di vita.
Ricordatevi che siete all’interno di una riserva, comportatevi rispettando le sue regole; è vietato abbandonare il sentiero ed entrare in acqua dove non esplicitamente consentito.

Scrivi un commento

Accedi o Registrati per inserire il tuo commento.