Correre in un ambiente naturale stimola positivamente il corpo e la mente

Avventurandosi... fuori strada!

di Running Italia - Gio, 09/02/2012 - 09:00
Correre in un ambiente naturale può aiutare a ritrovare il piacere della corsa e in più a stimolare positivamente il corpo e la mente

Correre sempre negli stessi posti, vedere sempre lo stesso panorama e percorrere sempre le stesse strade asfaltate, può diventare una routine pericolosa che si sostituisce al piacere della corsa. Per evitare di cadere in questa "trappola" può essere utile sperimentare nuovi percorsi. Correre in un ambiente naturale può aiutare a ritrovare il piacere della corsa e in più a stimolare positivamente il corpo e la mente. La corsa lontano dall'asfalto necessita di alcune semplici regole comportamentali per un approccio facile e sicuro.
Innanzitutto è bene eseguire un'accurata scelta del luogo. Bisogna infatti tenere presente che i percorsi sterrati possono essere caratterizzati da ostacoli naturali difficili da affrontare: salite impervie, fondo sassoso o molto irregolare sono solo un esempio di ciò che si potrebbe incontrare durante il tragitto. E' bene scegliere sentieri piani o leggermente ondulati, con superfici regolari e non scivolose. Bisogna fare attenzione alle strade forestali o campestri, le cosiddette strade bianche presenti nei boschi e nelle campagne, che favoriscono il passaggio ai veicoli e presentano pendenze molto brusche, oltre a buche e sassi. E' necessario tenersi lontano anche dalle radici degli alberi che spesso fuoriescono dal terreno, dalle pietre, dai corsi d'acqua e dagli strapiombi.
Una volta scelto il luogo, bisogna abituarsi gradualmente a correre su questo nuovo tipo di terreno. Si comincia percorrendo i sentieri più pianeggianti e con un fondo più soffice e regolare. E' molto importante tenere sotto controllo l'andamento della superficie, per evitare improvvisi cambiamenti nella regolarità. Rispetto alla normale velocità che si è abituati a mantenere correndo su strada, è necessario rallentare un po' e accorciare il passo in modo da avere maggiore stabilità. Di conseguenza è normale impiegare un tempo maggiore per percorrere le stesse distanze che abitualmente si fanno su strada.
La risposta del proprio corpo alla nuova situazione non tarderà certo ad arrivare. I muscoli e i tendini sono sollecitati continuamente a causa delle irregolarità della superficie e, per questo motivo, è normale avvertire dolori alle caviglie, ai polpacci e agli stinchi.
In situazioni di questo tipo la sicurezza è di fondamentale importanza. Poche norme da ricordare, ma utilissime per evitare spiacevoli situazioni. Anzitutto è consigliabile non andare mai a correre da soli, ma essere in compagnia almeno di un'altra persona e avere sempre con se un cellulare. Durante la corsa è bene mantenere la destra, soprattutto se qualcuno corre nel senso opposto di marcia. Nel caso si volesse sorpassare un escursionista o un altro runner, è bene avvisarli a voce alta e superarli sulla sinistra. Quando si incontrano degli ostacoli è bene superarli camminando. La stanchezza delle gambe potrebbe infatti non garantire il giusto equilibrio e provocare una caduta.
La domanda che spesso ci si pone in queste occasioni riguarda le scarpe. E' necessario acquistare delle scarpe speciali per correre su sentieri? La risposta è: non sempre. Dipende ovviamente dal tipo di sentiero che si vuole percorrere. E' ovvio che se il terreno è molto scivoloso, ripido o sassoso le scarpe utilizzate per correre su strada non vanno bene. Sono necessarie delle calzature che garantiscono maggiore aderenza, stabilità e in grado di proteggere il piede da eventuali urti. Se il terreno scelto è molto regolare, le scarpe usate abitualmente forniscono una sufficiente ammortizzazione.

Scrivi un commento

Accedi o Registrati per inserire il tuo commento.

Commenti

Colui che ha scritto questo articolo ha scoperto l'acqua calda: queste cose raccontatele ai bambini delle elementari, non a noi che del piacere della corsa ne facciamo il nostro hobby quasi quotidiano....
X

Ricevi un nuovo articolo ogni settimana

Iscriviti alla Newsletter