Training Autogeno nello sport

di Salvatore Pisana - Lun, 29/08/2011 - 15:49

Sempre più atleti utilizzano il training autogeno per migliorare le proprie prestazioni. Scartando le vie poco legali del doping i moderni sportivi hanno scoperto una tecnica quasi del tutto gratuita, semplice ed efficace per essere più concentrati, più energici e meno tesi durante le gare. Il Training, letteralmente allenamento, agisce in modo graduale sul benessere totale della persona, controllando le emozioni, annientando lo stress e aumentando la concentrazione sulla realtà. La tecnica funziona su tutti i soggetti, purché praticata regolarmente e in modo corretto. I benefici che se ne traggono sono numerosi, e non riguardano soltanto il rilassamento e la calma. Chi pratica sport infatti ha maggiori energie, riprendendosi più facilmente dopo un duro allenamento e sentendosi meno affaticato, la concentrazione è elevata e permette all’atleta di far fronte alla tensione di una gara, allo stress che può produrre la competizione.  Intere squadre praticano regolarmente il Training Autogeno, sotto la supervisione di psicologi e psicoterapeuti competenti, ma questa tecnica è anche alla portata di chi corre per passione, di chi frequenta corsi di aerobica o body building. Inizialmente si deve essere seguiti, singolarmente o in gruppi, da un esperto, ma imparati gli esercizi necessari si può continuare e procedere in modo autonomo. Il tempo medio affinché si possano ottenere risultati duraturi è di sei mesi, tuttavia già dalle prime sedute di esercizi si inizieranno a vedere i primi miglioramenti e a sentire il benessere fluire in tutto il corpo.
 

di Brigida Ambrosio

Ritratto di Salvatore Pisana
Laureato in scienze motorie, è allenatore di mezzofondo di fama nazionale
Facebook profile

Scrivi un commento

Accedi o Registrati per inserire il tuo commento.
X

Ricevi un nuovo articolo ogni settimana

Iscriviti alla Newsletter