Running Italia

Atletica, podismo e allenamento per i runners

Personal Trainer o app per la corsa: cosa scegliere

di Running Italia - Mer, 13/12/2017 - 17:41
Tutti i runner usano app per monitorare la corsa. Nonostante queste siano strumenti molto utili, non possono sostituire la figura del Personal Trainer.

La corsa è una delle attività sportive amatoriali più praticate al mondo, motivo per cui sul web si trovano decine e decine di applicazioni per i runner che provano a sostituirsi al preparatore atletico o al Personal Trainer.

In questo articolo cercheremo di spiegarvi le differenze che ci sono tra un Personal Trainer e un’app per la corsa. Per comprenderle bisogna partire dalla definizione di allenamento e preparazione atletica.


Cos'è l'allenamento?

L'allenamento è un processo d'azione complesso il cui scopo è quello di produrre degli adattamenti specifici nell'atleta al fine di migliorare la sua performance specifica.

Viene definito processo complesso perché in esso concorrono vari aspetti tra cui quello fisiologico, biomeccanico, anatomico, biochimico e psicologico, che sono estremamente soggettivi e, di conseguenza, valutabili e interpretabili solo da una persona esperta.

Dalla precisa valutazione, dalla corretta interpretazione, dall'approfondita conoscenza della metodologia dell'allenamento e delle materie ad essa correlate dipendono la personalizzazione e, di conseguenza, l'efficacia di una preparazione atletica.

Alla luce di queste considerazioni risulta difficile credere che un'applicazione possa sostituirsi al difficile lavoro di un preparatore atletico. Nessuno strumento tecnologico potrà mai sostituirsi alla valutazione e all'interpretazione di un allenatore.

Questa indiscutibile verità è valida sia per la preparazione degli atleti professionisti che per quelli amatoriali.

Dunque non meravigliatevi se, seguendo i protocolli di allenamento della vostra applicazione, non ottenete i miglioramenti di performance aspettati, nonostante l'impegno profuso negli allenamenti.



personal trainer

App corsa: come usarle

Le applicazioni per la corsa sono tuttavia strumenti che possono essere utilizzati per coadiuvare il lavoro del Personal Trainer.

Grazie alle molteplici funzioni delle app, si possono registrare molti parametri utili al monitoraggio e alla preparazione degli allenamenti, come ad esempio durata dell'allenamento, chilometri percorsi, andatura e battiti cardiaci, solo per citarne alcuni. Grazie a questi dati, l'allenatore può capire più facilmente come ottimizzare la preparazione atletica.

Tracciare i propri allenamenti e inviarli al preparatore atletico sono azioni che rendono l'atleta più partecipe e consapevole e migliorano la qualità del piano di allenamento.


Personal Trainer per la corsa: come sceglierlo

Il Personal Trainer specializzato nella preparazione atletica per la corsa deve essere competente su tutti gli aspetti sopra citati e avere comprovata esperienza nell'allenamento del runner.

Formazione ed esperienza sono i due aspetti imprescindibili che caratterizzano un Personal Trainer di qualità. 


Formazione: come scritto sopra, un preparatore atletico deve essere competente su materie come anatomia, biologia, biochimica, biomeccanica, metodologia dell'allenamento, traumatologia sportiva, solo per citare le più importanti. 

Per la complessità di queste materie, occorre studiare anni. Per questo il miglior titolo di formazione è sicuramente la laurea in Scienze Motorie, dove queste materie vengono trattate con la giusta attenzione e tempistica, e affidarsi ad un Personal Trainer laureato è la scelta migliore.

In alternativa, si può optare per un Personal Trainer che abbia ottenuto una certificazione per Personal Trainer da parte di scuole di formazione riconosciute dal CONI e abbia frequentato corsi di specializzazione specifici per la corsa.


Esperienza: oltre alla formazione, fondamentale è che l'allenatore provenga dal mondo del running, che abbia testato la sua metodologia.


Scrivi un commento

Accedi o Registrati per inserire il tuo commento.