Il consumo energetico e i 4 sistemi che lo regolano

di Salvatore Pisana - Gio, 07/01/2016 - 17:41
La macchina umana per funzionare ha bisogno di energia. Gli elementi principali che contribuiscono all’approvvigionamento energetico sono i carboidrati, le proteine e i grassi. Il consumo energetico cambia a seconda del sistema che entra in funzione.

Il consumo energetico regola il funzionamento della macchina umana, dell'organismo. Gli elementi principali che contribuiscono all’approvvigionamento energetico sono i carboidrati, le proteine e i grassi.

Questi elementi partecipano in misura diversa all'apporto calorico; i grassi, ad esempio, hanno un potere calorico doppio rispetto a quello dei carboidrati e delle proteine. Un grammo di grassi fornisce circa 9 kcal, invece un grammo dei carboidrati fornisce circa 4 kcal. Questi valori sono ovviamente validi anche al momento del consumo: per perdere 100 grammi di tessuto adiposo sarà necessario bruciare 900 kcal, mentre consumando 100 grammi di glicogeno, si bruciano circa 400 kcal.

Il modo di bruciare le calorie cambia a seconda del sistema che entra in funzione. È possibile distinguere 4 tipi di sistema.


Metabolismo Basale: rappresenta il consumo calorico di base che gestisce le funzioni dell'organismo in condizioni di riposo, è soggettivo ed è legato alla massa: più un soggetto è pesante, maggiore sarà il suo consumo energetico basale.


Consumo energetico per l'attività fisica: è il consumo calorico legato al tipo di attività sportiva che si svolge. A seconda della durata e dell’intensità dell’attività svolta, si avrà un consumo più o meno accentuato.

consumo energetico

Consumo energetico per le attività quotidiane: è la spesa energetica per le attività di routine svolte quotidianamente e può variare a seconda del lavoro svolto: ad esempio, il consumo calorico di un muratore è differente da quello di un impiegato d’ufficio, ovviamente sarà maggiore quello del muratore.


Consumo energetico per la digestione alimentare: come si evince dalla definizione, è il consumo calorico che regola la digestione.


La richiesta energetica è suscettibile di variazione nelle quattro categorie sopra indicate, essa può aumentare notevolmente o diminuire in base alle proprie caratteristiche fisiche, al tipo di vita svolta e al tipo di impegno sportivo.

Tra le discipline sportive che consentono di bruciare più calorie, la corsa ricopre un ruolo molto importante. A qualunque livello venga praticata, la corsa consente di bruciare circa 1 kcal per chilogrammo di peso corporeo al chilometro. Questo rappresenta soltanto un dato indicativo. In realtà tale valore è influenzato da numerosi fattori, come la pendenza, il tipo di terreno, il grado di allenamento del soggetto, il vento, gli indumenti indossati.

Ritratto di Salvatore Pisana
Laureato in scienze motorie, è allenatore di mezzofondo di fama nazionale
Facebook profile

Scrivi un commento

Accedi o Registrati per inserire il tuo commento.