Campionati Italiani Assoluti di Società su Pista

Campionati Italiani Assoluti di Società su Pista

di Salvatore Pisana - Mar, 22/05/2012 - 05:12

Sabato 19 e domenica 20 si sono svolti in tutta italia i Campionati Italiani Assoluti di Società su Pista, valevoli come prima fase. Dopo la seconda fase (15 luglio) si stileranno le classifiche per punteggio e verranno organizzate le finali nazionali in serie A oro - A argento - A1 - A2. Per ogni serie, maschile e femminile saranno raggruppate 12 squadre.

Molte prestazioni di rilievo nelle varie discipline, anche se il tempo ci ha messo lo zampino.

Segnaliamo nel salto in alto, Alessia Trost. A Gorizia, la 19enne di Pordenone è salita a 1,92 nel salto in alto. E' record italiano junior, un centimetro meglio dell'1,91 saltato da Elena Vallortigara l'11 settembre 2011 ad Annecy (Francia).

Nel martello, il vicecampione europeo Nicola Vizzoni, 75,06 a Campi Bisenzio (FI), e Lorenzo Povegliano, 76,63 a Gorizia. Nell'alto lo junior Alberto Gasparin (Brugnera Friulintagli) salta 2,15 e ottiene lo standard per i Mondiali under 20 di Barcellona.

In luce il mezzofondista di origine marocchina, ma già in possesso della cittadinanza italiana, Abdellah Haidane (NA FAnfulla Lodigiana). L'atleta allenato da Giorgio Rondelli ha dominato i 1500 metri in 3:39.11, primato personale e crono al di sotto dello standard di partecipazione (3:40.00) per gli Europei di Helsinki.

La primatista junior dell'asta, Roberta Bruni (Stud. CaRiRi) sale a 4,10, Mamadou Gueye si è imposto negli 800 in 1:48.68 dopo la lotta con Mario Scapini (Cus Pro Patria Milano/1:49.01). La primatista italiana dei 100hs Marzia Caravelli si aggiudica i 200 metri in 23.86 (0.0) sotto la pioggia.

Davide Manenti a Torino è il più veloce di tutti in 21.06 (+1.8).

Esordio stagionale per la triplista campionessa europea indoor e vice all'aperto Simona La Mantia (CUS Palermo/Fiamme Gialle). L'azzurra ha scelto di cimentarsi solo nel lungo dove non ha avuto rivali atterrando a 6,18 (+0.2) con parecchi centimetri regalati alla battuta.

Sicilia: dopo anni di "poca roba" si rivede un pò di moviemto in questa importante manifestazione, le gare con molti partecipanti e risultati discreti con maggiore accento sui giovani. Nella velocità, carettirizzata da vento che soffiava contrario sui mt.100 vittoria per Dia Amy Fabé in 12"34 ma bene anche la giovane junior Carolina Finocchiaro in 12"60.

Al maschile vittoria di Rosario La Mastra 10"94 e bene i due giovani Andrea Spezzi e Gaetano Di Franco nei mt.200 rispettivamente 22"09 e 22"19. 400-800 vinti dal talentuoso junior Cristinao Zingales in 48"44 e 1'54"33.

Nel doppio giro di pista si mette in luce Giuseppe Gerratana correndo in 1'54"70 dopo aver corso i 3000siepi in 9'02".

Mezzofondo femminile targato Maria Bucaida che vince 800-1500 con un buon 2'12"87 e 4'41".

Nel alto, la promessa Giulio Gattuso sale a 2m03cm. Mentre nel lungo fa da padrona Simona La Mantia con 6m18cm. Nel triplo maschile è lo junior campione italiano 2011 a vincere in 15m05cm.

Nei Lanci da segnalere il martello di Marco Lingua, atterrato a 70m e il peso di Marco Di Maggio, lanciato a 18m66cm.

Ritratto di Salvatore Pisana
Laureato in scienze motorie, è allenatore di mezzofondo di fama nazionale
Facebook profile

Scrivi un commento

Accedi o Registrati per inserire il tuo commento.