Volevo porre due domande

Ritratto di Henrymax
Henrymax | Mer, 14/06/2017 - 23:37

buona serata...volevo porre due domande......ho 57 anni e corro 3 volte a settimana piu o meno x 8 km con una media di 5.30 -5.35 al km. volevo sapere se sono abbstanza discreti x l'eta e visto il peso 78 kg. volevo inoltre chiedere come mai gia dopo circa 400/500 metri ho gia il fiatone anche se poi finisco gli 8 km tutti senza sosta. quando corro vedo gli altri tutti tranquilli io invece sempre con questo respiro affannoso . da cosa puo dipendere??? il mio medico mi ha detto che x togliermi ogni dubbio dovrei fare una visita con cardiogramma x attivita agonistica. voi che ne pensate sia corretta come chiamiamola diagnosi ??? cosa mi consigliate fare??? grazie !!!!

#visite: 2361

Risposte

Buongiorno,
Intanto la visita di idoneità all'attività agonistica, che prevede un elettrocardiogramma sotto sforzo ti potrà dare indicazioni prezioso sul tuo apparato cardiocircolatorio e lo stato di salute del tuo cuore. Per il resto, probabilmente per mantenere il tuo ritmo a 5.30 devi impegnarti di più di quanto fanno gli altri. Probabilmente quelli che incroci vanno a 5.45 o 6 al km a sono meno impegnati. Stai correndo 3 volte a settimana e sei in buona forma. Se non hai obiettivi cronometrici io sarei felice così. Magari un cardiofrequenzimetro può aiutarti a verificare il tuo impegno durante lo sforzo e regolari senza guardare il ritmo al km
Buone corse
Andrea

grazie dei consigli!!volevo chiedere usando il cardiofrequenzimetro su che frequenza media di battiti dovrei regolarmi sotto sforzo e non ???? grazie ancora

Partendo da un calcolo empirico di frequenza massima , 220 -57 (età) la tua dovrebbe essere, secondo le varie teorie, tra i 163 e 167, in base all'atleticità del soggetto. Quindi, per un'attività di basso impegno il tuo cuore dovrà lavorare tra i 100 e 116 battiti, mentre a 130 147 bpm il tuo impegno sarà elevato.
Ciao
Andrea

Salve
Per prima cosa vista l'età io un controllo lo farei, per fugare ogni dubbio. Non è che se fa 8 km per tre volte a settimana la mette a riparo da ogni problematica legata al suo fisico. A visita fatta con responso positivo ci sono tante cose che influenzano la nostra performance. Riposo, alimentazione e, stile.
Molti corrono di sera, perché hanno poco tempo, ma sovraccarico il fisico a fine giornata non è il massimo, soprattutto se si svolge già un lavoro pesante, altri si alzano alle 4 del mattino, sottraendo preziose ore di riposo. Ci sono regole fondamentali che non vanno violate una fra queste e il riposo soprattutto se si desidera allenare e non stressare il nostro corpo con inutili sovraccarichi. Un altra cosa importante e monitorare le proprie prestazioni e valutare perché ha il fiatone. Puo dipedere anche da una cattiva respirazione, anche la respirazione va allenata. Seguire un programma di allenamento puo agliutarla a risolvere o a capire il suo problema.

buona sera intanto grazie x i consigli poi x quanto riguarda il sonno non dormo molto in media 5o6 ore x notte. i miei allenamenti li faccio la sera verso le 6 dopo il lavoro. volevo solo aggiungere che dopo poche centinaia di metri quasi sempre mi prende come un senso di nausea con dei sforzi di vomito dopo i quali dopo un po si calmano. specifico che vado sempre a stomaco vuoto o al massimo una banana. ho provato anche a mangiare qualcosa ma e' peggio. da cosa puo dipendere e se puo essere sempre collegato col mio fiatone???? grazie

Al netto di quanto già detto da tutti sopra, occorre mangiare cibi solidi con molto anticipo, almeno 2 ore, secondo la tipologia di alimento ingerito. Alcuni cibi impiegano più di 3 ore. Credo che la sensazione sia dovuta alla partenza eccessivamente forte nel ritmo. Il corpo ha bisogno di scaldarsi ed i primi 2-3 km devono essere fatti con tranquillità.
Ciao
Andrea

Dai il tuo parere

Accedi o Registrati per inserire il tuo commento.