NIKE ci svela il segreto della velocità: Pegasus 34 e altre novità

di Running Italia - Gio, 15/06/2017 - 00:58
3 nuovi modelli Nike pensati per chi va forte: Nike Air Zoom Pegasus 34, Nike Zoom Fly e Nike Zoom Vaporfly 4%

Tutto il mondo ha avuto gli occhi puntati sul progetto Breaking 2 di Nike, con il tentativo sfiorato di scendere sotto le 2h nella regina delle distanze, la maratona.
Ovviamente puntare a certi risultati implica porre l’attenzione su tutti i dettagli, a partire soprattutto dalle scarpe. Ecco quindi che dallo sviluppo e dagli studi effettuati per realizzare le calzature per tale evento, Nike ha creato 3 nuovi modelli: Nike Air Zoom Pegasus 34, Nike Zoom Fly e Nike Zoom Vaporfly 4%, che sono stati presentati nel corso della Nike Fast Session a Milano.


Per l’occasione è andato il nostro amico Rosario, che dell’incontro e soprattutto della prova delle Pegasus 34 ci racconta:


“La location dell'incontro è sicuramente affascinante (Piazza Gae Aulienti), cuore della modernità europea a due passi dai quartieri storici della città. Ci incontriamo negli uffici Nike dove, dopo i primi convenevoli, ci prepariamo alla nostra sessione di allenamento.

Il corredo è composto da maglietta, pantaloncini e calze oltre ovviamente le attesissime Pegasus 34.

Le calze hanno un effetto molto avvolgente dando nell'immediato una sensazione di costrizione al piede. Dopo pochi attimi mi abituo e non mi disturbano più. Mi domando se questo possa però influenzare l'esperienza d'uso delle scarpe che mi accingo a indossare. Più passa il tempo e meno le sento!

Pegasus 34

Arriva il momento di indossare la scarpa. Le prendo in mano e apprezzo lo stile lineare e moderno sicuramente adatte persino delle uscite mondane milanesi, ma vedremo come rispondono alla prova sul campo. Appena le indosso sento il piede ben protetto e avvolto e, sebbene la scarpa la senta leggera, iI piede diventa subito tutt'uno con le Pegasus 34.

La tomaia avvolge in modo stabile il dorso del piede facendo sentire una maggiore pressione sul metacarpo (la parte di sopra) che un po' mi disturba, ma per il resto sento che mi calza senza farmi sentire frizioni.

La caviglia è molto libera di muoversi e la suola risulta veramente molto leggera dando la sensazione di un buon contatto con il pavimento. Tutti i punti del piede sembrano poggiare in maniera naturale e omogenea: si avvicina all'idea di un appoggio a piede nudo con il vantaggio di una correzione dell'appoggio che non risulta prepotente.

A questo punto si parte con un breve briefing sulle caratteristiche delle scarpe presentate e poi via verso la pista dell'Arena Civica dentro Parco Sempione.

Dopo 15 min di corsa leggera iniziamo con esercizi e allunghi sulla pista ed infine scatti di 80 mt. Risponde bene alle spinte pur lasciando libertà di movimento.


PRO

- La scarpa avvolge in maniera anatomica il piede, non si sentono frizioni nella caviglia e nelle altri parti del piede
- Suola leggera, flessibile e ben ammortizzata

CONTRO

- Ho avvertito una leggera pressione sulla parte alta del piede che mi fa ricordare di averle ai piedi”



Pegasus 34

Se oltre al parere del nostro Rosario, vi servono anche dei dati tecnici, allora vi diremo che le Pegasus 34 coniugano le unità Nike Zoom Air della parte frontale e del tallone alla nuova versione della schiuma Cushlon, la Cushlon ST, una mescola di Phylon e gomma. Il tutto fa si che la scarpa risulti morbida ma estremamente reattiva e stabile.

La traspirazione e la leggerezza sono garantite dall’utilizzo della tomaia Flymesh, un monofilo semitrasparente. Il tallone è a raggiera e affusolato sulla parte laterale a sostegno di una gamma di movimenti naturali.

Se volete dare un’occhiata sul sito ufficiale, questo è il link



Pegasus 34

Come accennato, sono state presentate anche la Nike Zoom Fly e la Nike Zoom Vaporfly 4%.

La prima è la scarpa più veloce mai realizzata ed è pensata per lunghe distanze, offre una struttura reattiva che trasforma la pressione di ogni passo nel massimo ritorno di energia per il successivo.

La seconda invece, è stata creata proprio in occasione della Breaking 2 e si prefigge un vero e proprio avvincente obiettivo: rendere la corsa dei runner più efficiente del 4% rispetto alle più veloci scarpe da maratona realizzate precedentemente. Da sottolineare in questa scarpa la tomaia in Flymesh, in pezzo unico, che è pensata per assicurare una traspirabilità ideale sulla parte superiore del piede, per la giusta freschezza su qualsiasi distanza, dalla 5K alla maratona.


La Nike Zoom Fly è già in vendita qui mentre le Nike Zoom Vaporfly 4% verranno messe in commercio prossimamente; se volete rimanere informati sulla data di lancio, visitate la pagina ufficiale

Scrivi un commento

Accedi o Registrati per inserire il tuo commento.
X

Ricevi un nuovo articolo ogni settimana

Iscriviti alla Newsletter