Running Italia

Atletica, podismo e allenamento per i runners

Correre in viaggio: 6 accorgimenti ai quali forse non hai pensato

di Tommaso Solesin - Lun, 21/11/2016 - 12:14
6 consigli molto utili e pratici per correre in viaggio, rivolti a chi non vuole rinunciare ai propri allenamenti neanche per pochi giorni

Quando prima di prendere un volo stiamo preparando il nostro bagaglio a mano, l'unico che porteremo con noi per non spendere una fortuna con le compagnie low-cost, siamo di fronte ad un dilemma: che cosa tolgo dalla valigia per fare spazio a scarpette, pantaloncini e maglietta? Come conciliare il viaggio, di lavoro o piacere, con gli allenamenti?

Ecco alcuni accorgimenti che ho imparato per correre in viaggio.


1. Prenota l'hotel giusto

Ovviamente la location deve avere determinate caratteristiche: idealmente deve essere vicina ad un parco o ad un fiume, oppure ad una zona pedonale. Non è difficile, tutti i migliori siti web hanno la possibilità di prenotare un hotel guardando la posizione su una mappa. Non fidarti dei grandi viali. Non sempre si rivelano essere un posto comodo per gli allenamenti, specialmente alla sera. Se non sei sicuro, usa Google Street View per capire come è la zona in cui ti troverai, e se è runner-friendly.


2. Vivi l'allenamento come una scoperta

Sei in una nuova città, scegli anche di correre per il piacere della scoperta. Vicoli e palazzi si trasformano, riempiono gli occhi di nuove forme e colori. Gli odori sono incredibilmente diversi. Pollo arrosto e pane il sabato mattina a Parigi. Pioggia e odore di Guinness in produzione a Dublino la sera. Molto meglio una corsa intorno ad un quartiere nuovo che la palestra dell'hotel.


3. Svegliati prima e corri la mattina presto

Così da non vivere l'allenamento come qualcosa che ruba tempo alle altre attività o allo scopo principale del viaggio.



correre in viaggio

4. Servizio lavanderia o sacchetto speciale

Ricordati che hai solo il bagaglio a mano, e maglietta e pantaloncini dovranno essere riposti proprio li, a fianco al computer. Quindi porta con te un sacchetto dove riporre tutto dopo l'allenamento, oppure controlla se il tuo hotel ha un servizio di lavanderia express.


5. Decidi il percorso, a grandi linee (o porta il cellulare con te e accendi il roaming!!!)

Se ti lasci guidare dal desiderio di scoprire un luogo nuovo è molto probabile che ti perderai. Non ti preoccupare, puoi ritrovare la strada di casa velocemente se decidi il percorso in anticipo, fissando dei punti di riferimento come un palazzo famoso, un grande incrocio o una fermata della metropolitana. Segnati il nome della via e dell'hotel dove risiedi e se non ti senti sicuro porta con te il cellulare. Anche qui Google Maps può toglierti dai pasticci.


6. Collezione è motivazione

App come Strava e Runastic e GPS ci danno il tracciato del nostro allenamento su una mappa. Colleziona queste mappe per mantenere alta la motivazione, così ad ogni viaggio sarà sempre più facile fare spazio alle tue scarpette.


Mentre scrivo questo articolo sto preparando un viaggio verso Milano-Londra-Helsinki-Milano. 4 giorni di fuoco con le mie scarpette nella valigia.


Ritratto di Tommaso Solesin
Sono un atleta semplice, non l’amico bravo, né quello esperto. Sono quello che arriva a metà gruppo e che mette il ghiaccio sul ginocchio dopo le gare più lunghe. Ho iniziato a nuotare tardi, poi a correre ed infine ad andare in bicicletta. Senza...
Facebook profile
Blog personale
Profilo Twitter

Scrivi un commento

Accedi o Registrati per inserire il tuo commento.

Commenti

Aggiungo di dare una occhiata al meteo e clima della zona prima di partire, per scegliere l'abbigliamento giusto. Le scarpe da corsa sono piu comode di quelle da lavoro, durante il viaggio, appena in hotel, scaricate le mappe della zona sul cellulare zoommando bene sulle zone più interessanti, con il wi-fi, piuttosto che in roaming. Safety first. Vestiti ad alta visibilità e luci o headlight, potrei scrivere un'articolo solo su queste, e fotocopia dei documenti e biglietto da visita dell'hotel. E qualche soldo spiccio per le emergenze...
X

Ricevi un nuovo articolo ogni settimana

Iscriviti alla Newsletter