Running Italia

Atletica, podismo e allenamento per i runners

Ultimi commenti

  • Commento a: Battiti alti   2 mesi 2 settimane fa

    Buon Anno a te Luigi ed assolutamente d'accordo sul TU. Io credo che sia un problema , passami il termine di calibrazione iniziale del cardiofrequenzimetro. A meno che tu non abbia pochi mesi , un cuore a 200 bpm è sintomo di tachicardia ed infarto, ma grazie a Dio non è il nostro caso. Credo che dopo una prima fase il battito del cardio si regolarizzi e diventi maggiormente affidabili. Una tabella consultabile su:
    https://www.heart.org/en/healthy-living/fitness/fitness-basics/target-he...
    da le fascie di BPM secondo l'età. Non sono informazioni nuove , ma danno una indicazione sulla fascia da mantenere. Un cuore allenato può tuttavia arrivare a frequenze più elevate , ma di 5-6 bpm al minuto.
    Esistono poi persone che hanno una base di pulsazioni leggermente più alta , ma non in modo così sensibile
    Sarebbe bello avere le pulsazioni prese da un elettrocardiogramma , sotto sforzo, così da aver un parametro di paragone con il cardio che indossiamo tutti i giorni durante la corsa
    Credo nel tuo caso che per il lento dovresti sforzarti di stare sotto le 150 pulsazioni , mentre quando fai lavori di intensità, arrivare anche sopra le 170
    Le sedute fatte a ritmo più basso ti daranno il dovuto recupero, mentre quelle impegnative daranno stimolo migliorativo al tuo fisico
    Ciao
    Andrea

  • Commento a: Consigli su come mantenere un'andatura regolare?   2 mesi 2 settimane fa

    Buonasera, scusa il ritardo. Il tapis roulant ti fornisce lui la velocità costante, quindi ti libera da quello che è una gestione dello sforzo. Correndo liberamente capita spesso che lo spazio aperto, la temperatura e la spinta dei piedi , faccia partire troppo svelti
    Esistono più modi per verificare la tua intensità
    1 tramite cardio frequenzimetro
    2 tramite il dialogo se corri con qualcuno. Devi poter parlare con la tua compagna/o
    3 tramite un cronometro o gps
    Quest'ultima opzione è un po' più complicata , ma efficace. Devi verificare quanto impiegavi a fare un km sul tapis roulant ( es . 6' al km ) . Misurare un percorso ( io lo facevo in bicicletta o in macchina) per 2-3 km ( preferibilmente ogni 500 mt ) e tenere monitorata la velocità

    A prescindere a tutto , partire più piano di quello che si pensa , non è mai un errore ;-)
    Ciao
    Andrea

  • Commento a: Pulsazioni alte   2 mesi 2 settimane fa

    Buon anno Andrea ( spero non ti offenda se ti do del TU),Ti ho scritto in passato ottenendo sempre validi consigli.
    Riallacciandomi al post di Crileo, ti vorrei chiedere:
    anch'io ho i battiti alti, soprattutto fino ai 500/700 metri iniziali (a volte arrivano anche a 188/200) e quando corro, sia che sia allenato o non, i miei battiti sono sempre 152/163 ( frequenza media) e 168/172 ( frequenza massima) dati rilevati con fascia al petto e cardiofrequenzimetro Garmin Forerunn. A riposo dopo anni di allenamenti ho 58/62 battiti.
    Siccome non avverto mai sensazioni di eccessivo affanno, mi sono sempre domandato se è il mio corpo che geneticamente predisposto a frequenze del genere ( sai non credo mai a tabelle generiche in base all'età anagrafica).
    Ho 58 anni e le visite agonistiche non hanno mai evidenziato problemi sotto sforzo.
    Vorrei un tuo parere.
    Ciao, Luigi

  • Commento a: Parere sulla preparazione per la maratona di Roma   2 mesi 2 settimane fa

    Grazie Andrea per i preziosi consigli, che cercherò di mettere in pratica, e per l'incoraggiamento!
    A presto, Antonello

  • Commento a: Impariamo a gestire la fatica di correre   2 mesi 2 settimane fa
    Condivido completamente e sensazioni che vivo nel quotidiano allenandomi in mezzo ai ritmi della vita.
  • Commento a: Come alimentarmi subito dopo l'allenamento?   2 mesi 2 settimane fa

    Premetto che non sono un nutrizionista, ma oltre ad un apporto di carboidrati, occorre un apporto proteico e con alimenti che non producano un picco di glicemia. La pasta sarebbe meglio se fosse integrale ed altri alimenti a basso indice glicemico. Ripeto però, queste sono indicazioni generiche, credo che un nutrizionista saprebbe fare molto meglio
    Ciao
    Andrea

  • Commento a: Parere sulla preparazione per la maratona di Roma   2 mesi 2 settimane fa

    Buongiorno Lello e benvenuto !! Il metodo first prevede 5 sedute di allenamento la settimana. 3 sole di corsa , ma le altre non ti riposi di certo, ma lavori solo su altri distretti muscolari e comunque aerobici. Io non utilizzo nello specifico questo metodo, ma nelle tabelle dei miei atleti inserisco sedute di tonificazione muscolare, salite, etc. Alcuni , soprattutto nel periodo estivo, fanno uscite di bicicletta oppure nuotano. In questo caso chiaramente, lo tengo in considerazione nello sviluppo della tabella.
    Venendo a te , credo che un miglioramento lo avrai sicuramente, in quanto si tratta di sedute di qualità che stimolano la base aerobica. Ora prima di Roma , avrai tutto il tempo per fare un adattamento, aumentando progressivamente i chilometri e sono convinto che potrai tranquillamente ambire ad un risultato sotto le 3:30'
    Ciao
    Andrea

  • Commento a: Correre una maratona entro il prossimo anno   2 mesi 3 settimane fa

    Grazie :)

  • Commento a: Correre una maratona entro il prossimo anno   2 mesi 3 settimane fa

    Grazie :)

  • Commento a: Pulsazioni alte   3 mesi 16 ore fa

    OK, grazie ci provo!!

Pagine