Running Italia

Atletica, podismo e allenamento per i runners

Mezzofondo e Fondo Ibleo

di Salvatore Pisana - Mer, 11/03/2009 - 14:10

NEGLI ULTIMI 20 ANNI  I  MEZZOFONDISTI  E  FONDISTI  IBLEO

 Negli ultimi 20anni  il mezzofondo e il fondo ibleo sono stati il fiore all’occhiello dell’atletica in provincia di Ragusa,  raggiungendo livelli e risultati mai avuti in precedenza. Diverse sono state le scuole e le realtà che hanno abbraciato questa disciplina così faticosa ed impegnativa, ma tante sono state le soddisfazioni e tanti sono stati i talenti che si sono espressi.                                   

                                                

Gli anni ’90 sono stati caratterizzati dal dominio incontrastato di Giorgio Adamo, Modicano Doc. cresciuto alla corte di Sasà Giannone, capace di grandi performance come correre i mt.3000 in 8’09” e i mt.5.000 in 14’09” ed ancora vincere una prestigiosa edizione del Vivicittà in 35’52” sulla distanza dei 12km, e di vincere le prime due edizioni del Memorial “Peppe Greco” e vincitore del Trofeo “Padua” (uno dei massimi riconoscimenti sportivi a livello provinciale). Fine anni novanta sono stati diversi  i giovani alla ribalta, ad iniziare da Antonino Liuzzo, classe ’79, scoperto dal prof. Angelo Asta, e lanciato ai vertici nazionali nelle categorie giovanili dall’inossidabile Franco Ruscica. Liuzzo lo ricordiamo oltre alle innumerevoli performance podistiche, alla conquista del titolo italiano junior sulla mezza maratona, in quel di Foligno (1998) dove copriva la distanza dei 21km in 1h09’, ed ancora affrontare la più classica delle distanze, la maratona in 2h17’ ed ancora correre i mt.10.000 sul filo dei 30’ netti. Liuzzo dopo aver vestito la maglia della “Folgore Scicli” della “Libertas Scicli” del “Cover” adesso è un ottimo massaggiatore e terapista. Nello stesso periodo a Modica cresceva un altro talento, Lorenzo Cannata, classe ’80 (Running Modica) seguito dal prof. Pisana. Che a differenza di “Tony” Liuzzo si affaciava più alle gare su pista e soprattutto alla corsa campestre, lo ricordiamo vincitore del titolo italiano nella categoria allievi sui mt.3000 in 8’40” (1997), del titolo italiano junior nei mt.5000 in 14’41” (1999) e del titolo italiano junior nella corsa campestre (1998) e vincitore del trofeo “Padua”. Ed tutt’oggi in auge fra i migliori specialisti del cross, in ambito nazionale, dove veste i colori del centro sportivo aeronautica militare, vive e si allena a Roma alla guida tecnica di Cecchini. Gli anni 2003-2006 un altro astro ibleo primeggia le classifiche italiane si tratta di Giovanni Fortino, della “Libertas Scicli” che fa suo il titolo italiano cadetti, ad Abano Terme (2004), nei mt.2000 correndo in 5’44”, ed ancora vincere il titolo italiano allievi a Fano (2006) nei mt.3000 correndo in 8’39”, ed ancora protagonista nei cross a livello junior (2007-2008), e vincitore del trofeo “Padua”. Qust’anno veste i colori del Runner’s team ’99 nella categoria promesse. Bartolomeo Aprile, classe 1986  dal 2000 è stato fra i migliori Siciliani nella categoria ragazzi, cadetti, allievi. Nato e cresciuto, atleticamente parlando, nel team di Franco Ruscica, correndo per la “Libertas Scicli” fino al 2006 dove viene stoppato da un infortunio al gluteo. Superato l’infortunio riparte da Modica, alle dirigenza del prof. Pisana. Nel 2007 conquista il titolo italiano under 23 nella mezza maratona in quel di Udine correndo in 1h08’ 00”!!! si rilancia in ambito Siciliano. Adesso corre per la Running Modica. 2008 un altro talento è in cantiere nel profondo serbatoio della provincia di Ragusa, si tratta del giovanissimo Modicano Giuseppe Gerratana, classe ’92, tesserato per la Running Modica, seguito dal prof. Pisana nel 2007 3° al criterium nazionale cadetti nei mt.2000, correndo in 5’50”. Quest’anno cerca una consacrazione fra gli allievi. Ed ancora tanti altri Iblei hanno portato lustro alla tradizione del mezzofondo e fondo Ragusano, ricordiamo Roberto Sarri, di Acate, ottimo siepista degli anni ’90 con un personale di 8’52”. Di Fabrizio Padua della UISP SCICLI, seguito da Alessandro Parisi, che a livello giovanile primeggiava nella categoria allievi. Di Giuseppe Fatuzzo Modicano figlio della scuola di Sasà Giannone. Capace di vincere a livello universitario un titolo italiano sui mt.800 correndo in 1’52” la distanza, ed ancora ripetersi fra gli amatori conquistando un bronzo ai Mondiali Master di Riccione (2007) nei mt.800  in 1’55”. E parlando di amatori non si può trascurare i Ragusani Massimo Canzonieri e Giorgio Mirabella della Padua Ragusa che sono stati fra i migliori negli ultimi sei anni fra master Siciliani. Ed ancora Orazio La Pira, Pozzallese che nel 2002 vince il titolo regionale junior nei mt.800 con il record provinciale di categoria 1’56”. Ed ancora Ivana Busso di Caltagirone ma cresciuta agonisticamente parlando con Giuseppe Criscione, a Ragusa, che è stata una degli migliori interpreti femminile del mezzofondo Ibleo degli anni ’00 ed ancora Claudia Finielli nata a livello atletico con il prof. Angelo Asta e salita alla ribalta con Franco Ruscica. Ha vissuto il 2007-2008 ai vertici del mezzofondo italiano. Ma questi sono solo alcuni nomi dell’ultimo ventennio di corridori di lunga l”ena” Iblei, ma tanti altri antecedente agli anni ‘90 hanno fatto parlare del nostro mezzofondo e sono ancora nella memoria di molti addetti ai lavori, a dimostrazione di una tradizione che si tramanda negli anni.

Ritratto di Salvatore Pisana
Laureato in scienze motorie, è allenatore di mezzofondo di fama nazionale
Facebook profile